Il Piano Nazionale Impresa 4.0

Piano Nazionale Impresa 4.0 – Risultati del 2017 ed Azioni del 2018

Il piano nazionale impresa 4.0, attraverso l’analisi di un documento del MISE che comprende iper-ammortamento e risultati industria 4.0, nonche’ le azioni per il 2018 e le previsioni fino al 2028. Include gli incentivi per le imprese manifatturiere e considerazioni sia per l’azienda che per il consulente che fa perizie Industria 4.0

Il consulente Industria 4.0 per le imprese della meccanica deve avere competenze tecniche adeguate
Il consulente Industria 4.0 per le imprese della meccanica deve avere competenze tecniche adeguate

PIANO NAZIONALE IMPRESA 4.0 – I DATI UFFICIALI DEL GOVERNO ITALIANO

Ho pensato di analizzare un documento ufficiale del MISE su Industria 4.0, ovvero il Piano Nazionale Impresa 4.0, Risultati 2017 – Azioni 2018. Quanto segue e’ il risultato di tale analisi: tratto i punti piu’ interessanti ed aggiungo considerazioni importanti, non solo per i professionisti ma anche per le aziende.

La genesi: il ministro Calenda del MISE (Ministero dello Sviluppo economico) ha inviato un messaggio agli imprenditori ed ai professionisti, dove cita il documento oggetto di questa analisi . Ricordo che i professionisti, oltre alle consulenze, fanno spesso perizie ed analisi tecniche per l’ottenimento dell’iper ammortamento da parte delle aziende.

Si tratta di un documento interessante, soprattutto perche’ contiene un riepilogo ufficiale delle azioni previste per il 2018 e le previsioni fino al 2028. Per quanto possa essere interessante vedere l’andamento del 2017, alle imprese dell’industria interessa di piu’ il futuro.

Per quanto il documento del MISE comprenda anche gli obiettivi di Impresa 4.0 fino al 2020, penso che sia troppo presto per questo. Visto che ci saranno presto piu’ dettagli, meglio restare con i piedi per terra.

 

Video – Torino: 8 febbraio 2018. Piano Impresa 4.0 – Innovazione e competenze. Intervento Carlo Calenda

I RISULTATI 2017 DEL PIANO INDUSTRIA 4.0

Dato che si parla di 2017, penso che sia più corretto usare la denominazione ufficiale iniziale – Industria 4.0. In realta’, al di la’ della denominazione ufficiale italiana, ormai Industria 4.0 e’ entrato nel parlare comune; senza parlare del fatto che Industry 4.0 e’ un termine conosciuto ovunque nel mondo.

Ma veniamo all’analisi del documento del MISE.

 

1) IMPATTO DI SUPER AMMORTAMENTO, IPER AMMORTAMENTO E NUOVA SABATINI

Di seguito, la variazione percentuale – 2017 vs. 2016 – in ordini interni divisi per ramo di industria (investimenti fissi pari a circa 80 miliardi di euro):

  1. Macchinari ed altri apparecchi, +13%. Investimenti fissi pari al 35% degli 80 miliardi
  2. Apparecchiature elettriche ed elettroniche, + 7%. Investimenti fissi pari al 10%
  3. Manutenzione ed installazione macchine, non disponibile. Investimenti fissi pari al 18%
  4. Altre categorie, +10%. Investimenti fissi pari al 37%

 

2) INCENTIVI 2017 – LA FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE

Nel novembre 2017, l’Istat ha eseguito una rilevazione tra le aziende manifatturiere che hanno investito. Seguono i risultati – incentivi ritenuti molto od abbastanza rilevanti:

  1. Super-ammortamento, circa il 60%
  2. Iper-ammortamento, circa il 50%
  3. Credito di importa R&S (Ricerca e Sviluppo), circa il 40%
  4. Nuova Sabatini, circa il 25%
  5. Altri strumenti, circa il 10%

Da notare che, per i primi tre incentivi, il Nord-est d’Italia ha presentato percentuali superiori alla media generale – superando anche il Nord-Ovest.

Per inciso: le imprese beneficiarie del credito di imposta R&S&I sono cresciute del 104% rispetto al 2016.

 

3) FATTURATO ED EXPORT

Il fatturato interno italiano di macchine ed altri apparecchi mostra un’impennata: rispetto a gennaio 2016, e’ cresciuto di circa il 9%.

Il fatturato interno di apparecchi elettronici ed elettrici macchine ed altri apparecchi mostra un’impennata: rispetto a gennaio 2016, e’ cresciuto di circa il 7%.

L’export, sempre rispetto a gennaio 2016, e’ cresciuto di circa il 9%.

Le agevolazioni per il 2018 ed oltre di Impresa 4.0 stanno dando grande impulso alle aziende manifatturiere - soprattuto a quelle della meccanica
Le agevolazioni per il 2018 ed oltre di Impresa 4.0 stanno dando grande impulso alle aziende manifatturiere – soprattuto a quelle della meccanica

 

PIANO IMPRESA 4.0 – 2018

Si tratta di un piano da 9,8 miliardi di euro. In questa cifra sono incluse le misure operative nel 2018 con effetti di cassa annuali o pluriennali (la situazione varia a seconda dell’agevolazione). Inoltre, non sono incluse le misure strutturali o pluri-annuali incluse nella legge di bilancio del 2017.

1) IPER AMMORTAMENTO E SUPER AMMORTAMENTO

Ricordo che la proroga dell’iper-ammortamento al 250%, e del super-ammortamento al 130%, fino al 31 dicembre 2019 (iper-ammortamento) ed al 30.06.2019 (super-ammortamento) ha un vincolo: l’ordine ed il pagamento dell’acconto devono avere luogo entro il 31 dicembre 2018.

In poche parole, visto che siamo gia’ a meta’ febbraio, non e’ il caso di prendersela troppo con calma. Ricordatevi che le perizie Industria 4.0 per l’iper ammortamento possono essere sottoposte a verifica, per cui e’ il caso che la perizia e l’analisi tecnica siano fatte a regola d’arte. Per capirci, un’analisi tecnica professionale richiede un impegno non indifferente da aperte di un consulente industria 4.0 professionista e ben preparato – e magari anche due visto che il tutto implica sia una parte tecnica che una amministrativa.

 

2) IL PIANO IMPRESA 4.0 – 2018 IN BREVE

Un riepilogo delle agevolazioni previste dal 2018 al 2028:

  1. Iper ammortamento e super ammortamento: 7,8 miliardi, fino al 2028
  2. Nuova Sabatini: 330 milioni, fino al 2028
  3. Fondo di Garanzia: 823 milioni fino al 2018
  4. Piano straordinario made in Italy: 130 milioni fino al 2018
  5. Credito di imposta Formazione 4.0: 250 milioni, 2019
  6. Fondo per il capitale immateriale: 5 milioni fino al 2018
  7. Istituti tecnici superiori – spesa Corrente: 10 milioni fino al 2018.
La figura del consulente non si ferma alla perizia Industria 4.0, perche' il Piano Nazionale Impresa 4.0 ha un disperato bisogno di competenze per riuscire al 100%
La figura del consulente non si ferma alla perizia Industria 4.0, perche’ il Piano Nazionale Impresa 4.0 ha un disperato bisogno di competenze per riuscire al 100%

 

IL TALLONE DI ACHILLE – LE COMPETENZE INDUSTRY 4.0 IN ITALIA

1) LA SITUAZIONE

Quando si arriva alle competenze – ricordo che nell’industria servono bravi operai ed operatori – si apre il baratro per l’Italia.

Numero di studenti iscritti agli Istituti Tecnici Superiori (ITS):

  1. Germania: 760.000
  2. Francia: 529.000
  3. Spagna: 400.000
  4. Italia: circa 9.000

Simili dati indicano non solo una situazione disastrosa, ma anche un inevitabile ritardo sugli altri tre paesi europei. Questo ritardo e’ talmente grande che le conseguenze sono inevitabili.

Se si passa alle elevate competenze nel settore digitale (sia occupati che disoccupati), questa e’ la situazione:

  1. UK, 50%
  2. Germania, 39%
  3. Francia, 37%
  4. Spagna, 33%
  5. Media UE, 37%
  6. Italia, 29%

Per quanto riguarda la partecipazione dei lavoratori a corsi di formazione (da 24 a 65 anni), ecco qua:

  1. UK, 14,4%
  2. Germania, 8,5%
  3. Francia, 18,8%
  4. Spagna, 9,4%
  5. Media UE, 10,8%
  6. Italia, 8,3%

Come abbiamo appena visto, l’Italia e’ perennemente ultima. Il dato piu’ allarmante – ed apparentemente incolmabile – riguarda gli studenti degli Istituti Tecnici Superiori (ITS).

 

2) LE CONTROMISURE – FORMAZIONE 4.0

L’obiettivo consiste nel passare dai circa 9.000 studenti attuali, a 20.000 nel 2020. A tale scopo, sono previsti 95 milioni di euro.

Inoltre, come visto al capitolo precedente, e’ previsto l’incentivo del Credito di imposta Formazione 4.0:

  1. 40% del credito di imposta sul costo del personale in corsi di formazione 4.0
  2. Un massimale di 300.000 euro per impresa, per anno
  3. L’agevolazione e’ per il momento sperimentale – ovvero solo per il 2018.
L'iper ammortamento e' un meraviglioso incentivo per le imprese, ma Industria 4.0 va ben oltre
L’iper ammortamento e’ un meraviglioso incentivo per le imprese, ma Industria 4.0 va ben oltre

 

IL NETWORK NAZIONALE IMPRESA 4.0

Sono previsti tre campi di azione:

  1. Punti impresa digitale, per la diffusione della conoscenza delle tecnologie Industria 4.0
  2. Innovation hub, per formazione avanzata e coordinamento di strutture in ambito Impresa 4.0
  3. Centri di competenza, il fulcro di tanta attivita’ al momento – molti vogliono proporsi ma ci sono dei paletti da rispettare. Si tratta principalmente di ricerca Industry 4.0 ed alta formazione.

E per stavolta mi fermo qui.

 

Quali sono i vostri pensieri? L’argomento e’ affascinante e la materia pone tanti quesiti. Mi piacerebbe sentire la vostra opinione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto